Creative Problem Solving

A cosa serve e le sue fasi

Chiara Micalizzi

Il processo del Creative Problem Solving è una leva pratica e flessibile per trasformazioni personali, organizzative e sociali.

Tutti noi dobbiamo prendere decisioni necessarie.

Che tu sia uno studente, un genitore o un professionista, affronti problemi e opportunità ogni giorno e tutti possono essere indirizzati attraverso una risoluzione dei problemi che attinge alla creatività.

Il CPS è un metodo collaudato per affrontare un problema o una sfida in modo creativo e innovativo.
Facilita le persone a ridefinire i propri problemi e opportunità, a inventare risposte e soluzioni nuove ed aiuta ad agire.

Gli strumenti e le tecniche utilizzate rendono questo processo divertente, coinvolgente e collaborativo. Il CPS infatti non aiuta solo a creare migliori
soluzioni, genera anche un’esperienza positiva che aiuta ad accelerare l’adozione di nuove idee.

Il Creative Problem Solving è frutto del lavoro di Alex Osborn e Sid Parnes e la Creative Educative Foundation e il Creative Problem Solving Institute si sono focalizzati su un’evoluzione che hanno chiamato CPS Model.

Il Creative Problem Solving si è evoluto ed è cambiato negli ultimi 60 anni. Molti organizzazioni e individui hanno contribuito a questa evoluzione. Con ricerca, sviluppo e formazione continui, l’International Center for Studies in Creativity all’università SUNY Buffalo State è stato, e continua ad essere, uno tra i principali contributori di questa evoluzione.

Nel corso del tempo sono stati sviluppati molti strumenti di pensiero convergente e divergente (due tipi distinti di pensiero entrambi fondamentali per essere creativi).

Sono state inoltre individuate 4 fasi che rispecchiano il modo in cui le persone naturalmente risolvono i problemi.

Nel più recente CPS Model ci sono 4 fasi con 6 passi espliciti. All’interno di ogni fase, ogni passo utilizza pensiero divergente e convergente. Il CPS Model è un processo flessibile e ciclico, in cui mentre si passa da una fase all’altra, si salta avanti e indietro tra i quattro livelli.

Quando questo processo si solidifica nella persone e diventa un modo di pensare e di lavorare regolare e frequentemente utilizzato, ogni passaggio può essere utilizzato secondo necessità e il modello può essere adattato applicato ad ogni nuova situazione.